Come lavoro – Naturopata Paolo Durandetto

Come lavoro – naturopata Paolo Durandetto

Una seduta Olistica può esser utile per affrontare diverse situazioni e problematiche che si stanno esprimendo attraverso un disagio emozionale ed uno squilibrio energetico.

In quanto Naturopata svolgo attività complementare – e non sostitutiva rispetto a quella dei professionisti sanitari. Alla luce degli esiti dell’analisi di terreno, posso educare il cliente a corretti stili di vita, alla consapevolezza ed allo sviluppo delle tecniche di autogestione dell’Energetica dei Sistemi Viventi, di cui ciascun individuo è naturalmente dotato. In caso di necessità posso consigliare il ricorso ad integratori alimentari ed a preparati di erboristeria, che il cliente potrà procurarsi liberamente secondo le sue necessità negli appositi esercizi commerciali preposti senza vincolo alcuno rispetto a ditte e/o fornitori specifici.

Chi è il Naturopata?

Il naturopata è un consulente in Naturopatia, esperto di Energetica dei Sistemi Viventi, che opera nel rispetto del Codice Deontologico di categoria (C.D.). Egli svolge attività complementare – e non sostitutiva rispetto a quella dei professionisti sanitari.

Oggetto di studio:

Il Naturopata non si occupa di “malattie”, bensì di disequilibri bioenergetici del sistema mente – corpo – spirito (disturbi non clinicamente rilevanti). Nel rispetto di un codice etico l’eventuale constatazione di stati patologici comporta l’immediato rinvio del cliente ai professionisti abilitati.

Finalità:

La consulenza naturopatica mira all’innalzamento del livello di benessere di chi ne fruisce, attraverso il riequilibrio del suo terreno individuale (ovverosia “l’insieme di segni e di manifestazioni costituzionali caratterizzanti le potenzialità della persona umana in senso energetico – funzionale, soggetti alle sollecitazioni ed agli stimoli fisici, emozionali ed ambientali”, Cfr. Lanza – Vettorello, “Il Codice Deontologico dei Naturopati Italiani”).

Strumenti operativi:

Il Naturopata non fa riferimento alle nozioni di patologia proprie della medicina: ogni indicazione relativa ad organi o parti del corpo è condotta esclusivamente in base ai principi ed alle nozioni dell’Energetica dei Sistemi Viventi. Egli non svolge attività di diagnosi o di prognosi; non prescrive terapie, né, in altro modo, persegue scopi curativi o preventivi in relazione a malattie e disfunzioni del corpo e della mente. Il consulente ricorre a strumenti di analisi di terreno dell’individuo – quali il colloquio, l’iridologia, la riflessologia, la kinesiologia, ecc. – che consentono l’individuazione delle ragioni del disequilibrio bioenergetico.

Natura dei consigli:

L’operatore, alla luce degli esiti dell’analisi di terreno, educa il cliente a corretti stili di vita, alla consapevolezza ed allo sviluppo delle tecniche di autogestione dell’Energetica dei Sistemi Viventi, di cui ciascun individuo è naturalmente dotato. In caso di necessità, egli può consigliare il ricorso ad integratori alimentari ed a preparati di erboristeria.

Rapporti con il cliente:

La scelta del cliente di affidarsi o meno al Naturopata e di seguire i suoi suggerimenti è libera. La sua prestazione non contrasta con terapie mediche in atto, ma opera in sinergia con esse; il Naturopata ne sconsiglia l’interruzione: se il cliente decide in senso contrario si assume la piena responsabilità delle eventuali conseguenze. Il rapporto contrattuale che si instaura con il Naturopata un’obbligazione di mezzi e non di risultato; il consulente non garantisce che la propria prestazione conduca al risultato auspicato, anche perché l’efficacia dei consigli dipende dalla precisione e dalla diligenza con cui essi vengono seguiti. Il consulente ed i suoi collaboratori sono vincolati dal segreto professionale su ogni circostanza riferita loro dal cliente.